Il nostro staff tecnico vanta oltre 10 anni di esperienza in materia e si sottopone a continui aggiornamenti presso il Wingate Institute di Israele. Con grande umiltà abbiamo fatto nostri quei principi che hanno caratterizzato il Krav Maga sin dalla sua nascita.

Insegnare il Krav Maga, non significa solo trasmettere meccanicamente delle tecniche ma contribuire a creare una vera e propria mentalità difensiva, basata sulla valutazione ambientale, sulla scelta tattica dei tempi di intervento e su accorgimenti comportamentali efficaci, che accrescono la determinazione e la coscienza dei propri mezzi per ciascun individuo.

Il segreto custodito da KMI si cela nella metodologia di insegnamento e nella trasversalità delle nozioni. Offriamo una possibilità concreta per vincere lo scontro.

I prossimi corsi

Domenica 1 ottobre dalle ore 14:00 alle ore 18:00 Via dell’Arcoveggio 74, 40129 Bologna BO, Italia

,   Google Map

Prenota la tua prima prova gratuita:

Il calendario sta caricando...

Ultime Notizie Facebook

Krav Maga Italia

KRAV MAGA ITALIA nasce con la volontà di contribuire al miglioramento delle capacità difensive delle persone di qualsiasi età, sesso e condizione sociale attraverso la pratica e l’insegnamento di ciò che è comunemente definito il miglior sistema di DIFESA PERSONALE esistente al mondo. La formazione proposta è mirata all’acquisizione di nozioni necessarie a sviluppare, prima di tutto la capacità di gestire sia situazioni di violenza, improvvisa ed ingiustificata, “da strada” che situazioni estremamente delicate della normale vita quotidiana, quali vessazioni, minacce o paure che minano l’integrità psico-fisica dell’individuo. Insegnare il kravmaga, per noi non significa quindi semplicemente trasmettere meccanicamente delle tecniche, ma contribuire a creare una vera e propria mentalità difensiva, basata sulla valutazione ambientale, sulla scelta tattica dei tempi di intervento e su valutazioni comportamentali efficaci, accrescendo la determinazione e le sicurezza dell’individuo, favorendo una migliore qualità della vita. Un aggressione fisica, deve essere gestita oltre che con le “mani” anche con la mente, i diversi programmi proposti da KRAV MAGA ITALIA vengono spesso integrati con attività di fitness, necessario oltre che a migliorare le perfomance in combattimento e ridurre le negatività. Il segreto custodito da KRAV MAGA ITALIA si cela quindi nella metodologia di insegnamento, nelle tecniche di allenamento e nella trasversalità delle nozioni. Grazie a questa filosofia lo staff tecnico può garantire risultati sorprendenti nell’apprendimento e nell’esecuzione delle tecniche, in tempi davvero rapidi. Il nostro scopo è quello di offrire una possibilità concreta per vincere lo scontro.
Krav Maga Italia
Krav Maga Italia added 3 new photos.lunedì, settembre 25th, 2017 at 4:23am
Continuano le giornate di allenamento al TIRO DIFENSIVO, una delle novità di questa nuova stagione. Se siete interessati, a migliorare le vostre abilità, non esitate a contattarci per partecipare alle nostre sessioni di allenamento. https://chat.whatsapp.com/DjHi7cMd9Lw42Un1cBd1vK
Krav Maga Italia
Krav Maga Italiasabato, settembre 23rd, 2017 at 12:13am
Riportiamo di seguito l'esperienza di un allievo molto affezionato: Il mio approccio al Krav Maga è stato determinato da un incontro casuale: una specie di volantino, mezzo appallottolato, appoggiato su un tavolino della paninoteca dove stavo aspettando che mi servissero. E che mi sono infilato in tasca inavvertitamente per non gettarlo a terra. All’inizio ero scettico: un mio amico, che aveva fatto qualche lezione “secoli” fa in un posto vicino al mio paesello natio, non aveva raccontato cose particolarmente piacevoli….Ma più leggevo qua e là di cosa fosse il Krav, più una parte di me cresceva in interesse. In fondo, in quel periodo, ero alla ricerca di qualcosa che fosse sia stimolante che soprattutto stimolante intellettualmente. Ovvero: che mi desse modo di imparare qualcosa di nuovo, di mettermi in gioco. Così, prima ancora di rendermene conto, partiva la mia prima mail di informazioni a quello che di lì a non poco sarebbe diventato il mio aguzz…istruttore! Cosa è stato per me iniziare e poi proseguire il Krav? Tante cose! Il Krav è tecnica, anche se a un occhio inesperto potrebbe non sembrare. Certo, non è la grazia e l’eleganza di un “kata”. Non ha la danza tecnica di una daga e una spada a cui sono stato abituato per anni ed anni. Non ha le forme e le regole di un incontro di Judo…Ma nondimeno è tecnico, maledettamente tecnico! E’ la mente che deve coordinarsi con tutti i muscoli del corpo, ed è l’istinto che deve allenarsi a combattersi, a rifiutare certe reazioni che sono fin troppo spontanee, e a affinare quelle che invece sono necessarie e utili a reagire con efficacia. E’ la bellezza e l’eleganza del gesto semplice e diretto, dell’assenza di barocco, la fredda bellezza dell’acciaio e del vetro: essenziale, efficace, e –in un certo senso- letale. E’ controllo. La capacità di scatenare in un lampo una tempesta di colpi e reazioni, eppure controllandoli per restare al di qua della sottile linea che separa la difesa dalla furia, la capacità di controllare il proprio corpo e i propri istinti per preservare se stessi senza eccedere nella reazione. La possibilità di difendere se stessi e gli altri (impagabili, devo dire, le lezioni in cui ci è stato insegnato –sebbene come attività collaterali- il come intervenire per cavare di impiccio qualcun altro!). E’ autostima, sapere che qualunque parte di te può essere un efficace strumento per difendersi, e sapere di potersi difendere, senza farsi prendere da quella “sindrome da supereroe” che fa passare dal sapersi difendere al credersi invincibile. Ma non è solo questo. Se devo dire quale è stata la cosa che mi ha fatto passare dalla “lezione di prova” alle “lezioni per vedere se mi piace” e poi al “caspio, quando facciamo il prossimo stage? Eh? Eh?” (metaforicamente saltellando come un cagnolino sovraeccitato) è stato un insieme di fattori squisitamente umani. Per la mia esperienza, sarebbe ben misera cosa se non fosse per le persone che ho incontrato. Tommaso, in primis, che ha fatto pendere la bilancia fin da subito per il lato umano prima e per le capacità di insegnare poi (anche se, con sua somma frustrazione, e mia!, per i miracoli si deve ancora attrezzare). Nonostante la mia incapacità di imparare le cose prima della ventesima ripetizione, e la tendenza a dimenticarle dopo la trentesima, è sempre lì a spronare e a darmi qualche motivo in più per stringere i denti e non cedere alla frustrazione del prendere e mandare tutto a gambe all’aria (che –per quel che mi riguarda- è un grande successo…vista la mia spontanea tendenza a lasciarmi vincere dalla frustrazione!). Eccezionale, punto. E lo dico a prescindere dal fatto che vedrà questo testo!! Poi, i ragazzi che ho incontrato in palestra. Una strana, bizzarra congerie di “soggetoni” (nell’accezione più positiva possibile!), che mi hanno aiutato nelle mie infinite richieste di aiuto tecnico, nella sopportazione delle mie inettitudini e nella capacità di farmi comunque divertire nonostante la progressiva trasformazione in dalmata per occhi neri e lividi vari, costole ammaccate e zoppicamenti costanti. Ma in fondo, anche questo è Krav: la tenacia la capacità di sopportare qualche botta in più stringendo i denti e andando avanti nonostante tutto. Ultimi, ma non da meno, gli “altri” Istruttori. Quelli “aiuto” e quelli “full”, tutti comunque pronti a insegnare qualcosa a un signor nessuno che avevano la sfortuna di vedere sbucare a qualche stage, carico di entusiasmo e misero di tecnica, come se fosse uno qualsiasi dei loro allievi e con la stessa simpatia e umanità di un amico, piuttosto che il freddo distacco di un maestro. Diamine, ricordo ancora quella gioia scema dell’avere il diplomino dopo l’esame di primo livello! Tornato a casa, ridotto ad un cencio sudato e poco più mobile di un ficus nella brezza, ancora sorridevo da un orecchio all’altro…Certo, ne ho ancora tanta, tantissima di strada da fare davanti. I miei limiti sono sempre lì, luminosi come un neon nella notte (un esempio? Vincila te, la tendenza schermistica a schivare un colpo invece di avanzare!). Ogni volta è una lotta impari…Però, chi se ne frega? Il Krav, per me, è anche “caparbietà” (o “ignoranteZZa” romagnola) di tirare avanti nonostante i neon perché prima o poi me li lascerò alle spalle. E sebbene probabilmente non sarò mai in grado di fermare una coltellata, evitare di perdere tutti i denti al primo pugno non annunciato, o prevenire una bastonata dal frantumarmi un braccio, quella di continuare a praticare il Krav resta una delle migliori scelte che abbia mai fatto in vita mia! A.G. www.kravitalia.it
Krav Maga Italia
Krav Maga Italiadomenica, settembre 17th, 2017 at 11:11pm
CORSO ISTRUTTORI PRATICANTI anno 2017/18 Abbiamo ufficialmente aperto le iscrizioni al corso ISTRUTTORI praticanti di Krav Maga (KMI). Se hai un progetto e/o voi trasformare la tua passione in una professione non esitare a contattarci per ricevere maggiori informazione e modalità di accesso ed ISCRIZIONE, alla mail info@kravitalia.it oppure su WhatsApp entrando nel nostro gruppo https://chat.whatsapp.com/DjHi7cMd9Lw42Un1cBd1vK RICHIEDIAMO esperienza pregressa, buone capacità fisiche e predisposizione all'insegnamento. Mentre tutti possono diventare ottimi praticanti, NON tutti possono diventare ISTRUTTORI, insegnare è una responsabilità, indipendentemente dalla materia trasmessa, che noi intendiamo rispettare.
Krav Maga Italia
Krav Maga Italia added 3 new photos.giovedì, settembre 14th, 2017 at 9:37pm
Stiamo ripartendo con la nuova stagione, tanti i nuovi corsi proposti e tante le novità. Se vuoi ricevere approfondimenti in merito alle nostre attività, da oggi puoi unirti al nostro gruppo WhatsApp appositamente creato per rispondere a tutte le domande e curiosità https://chat.whatsapp.com/DjHi7cMd9Lw42Un1cBd1vK
Krav Maga Italia
Krav Maga Italiagiovedì, settembre 14th, 2017 at 2:13am
Riportiamo di seguito l'esperienza di un allieva affezionata. Ringrazierò sempre il krav e in particolare le persone con cui ho avuto modo di entrare in contatto perché sempre mi spronano a tirare fuori il meglio… Ho conosciuto il krav per caso e subito mi colpì l’aggressività, l’efficacia dei colpi e la determinazione di chi li metteva a segno. Fare krav significa per me soprattutto questo: forza mentale, mettersi in gioco, riscoprirsi ed esplodere di energia e vitalità. Essere finalmente me stessa, preservare la mia aggressività invece di reprimerla e acquisire sicurezza. Il krav ti permette di trovare la determinazione e ti insegna a rispettarti. Ti insegna a difenderti per preservare la tua vita e comprendi presto che è un ottimo rimedio contro la mancanza di autostima. Ne approfitto per ringraziare tutti i miei compagni di corso, ogni tipo di partner con cui ho avuto la fortuna di esercitarmi per crescere aveva le sue peculiarità e caratteristiche e credo che tutti mi abbiano aiutato, ognuno a suo modo. La crescita non sarebbe possibile senza i propri compagni e io li ringrazio tutti: mi hanno fatta sempre sentire a mio agio, hanno sempre scherzato alleggerendo l’atmosfera nel momento del bisogno, ma hanno sempre avuto la serietà di riconoscere il momento dell’impegno e del lavoro. Oltre i compagni ci tengo a ringraziare in particolare il mio istruttore (MENTOREEEEEEEE) M. V. che è una persona fantastica ed estremamente paziente, con il quale ho avuto la fortuna di instaurare un bellissimo legame. Se in questi mesi sono cresciuta e migliorata, anche solo di un po’, lo devo soprattutto a lui che con estrema premura (sembra un tipo burbero ma in realtà ha un cuore d’oro, ma non spargete la voce che si imbarazza ssssh) e ostinazione mi ha seguita passo dopo passo. L’ambiente trasmette serenità e tranquillità: in fondo è come una grande famiglia ed è come sentirsi a casa anche durante gli stage, in cui in realtà non conosci nessuno. Sono convinta del fatto che tanto del lavoro sia fatto soprattutto dagli istruttori che dovrebbero essere ringraziati tutti i giorni per la passione che dedicano nell’insegnamento e per ciò che trasmettono ai loro allievi, oltre a tutto il lavoro che svolgono per organizzare certi momenti di condivisione e per migliorare loro stessi in modo da poter essere sempre all’altezza. M.C. www.kravitalia.it #selfedefence #bologna #autodifesa #kravmaga #KMI #AICS
Krav Maga Italia
Krav Maga Italia is with Henry Hernandez and 12 others at Shooter's Gauntlet.mercoledì, settembre 13th, 2017 at 10:57pm
Stage Internazionale tiro difensivo e Krav Maga U.S.A. Condividere esperienze internazionali, essere parte di un progetti ambiziosi è un emozione indescrivibile. Un grande ringraziamento a tutti coloro che hanno reso possibile che questo accadesse.

partner tecnici

partner commerciali